Indirizzo IP

In questa lezione parleremo di indirizzo IP, un numero che è associato ad ogni computer che si connette alla rete.

Infatti, il protocollo IP ha il compito di consentire la comunicazione tra un computer ed un altro e ogni computer deve essere riconosciuto dalla rete da un indirizzo IP univoco.

Quindi qualsiasi host come cellulari, tablet, computer e altri dispositivi, quando sono connessi alla rete posseggono un identificativo.

Questi indirizzi IP sono necessari affinché gli host di una rete riescano a comunicare gli uni con gli altri.

Gli indirizzi IP sono rilasciati sotto il controllo dell’authority IANA che opera per conto di ICANN, ente responsabile dell’assegnazione degli indirizzi IP e dei nomi di dominio.

Mentre il MAC address rimane sempre uguale indipendentemente dal luogo in cui è collocato l’host di rete (anche se abbiamo detto che è possibile cambiarlo), l’indirizzo IP può cambiare.

Quindi si dice che un indirizzo IP può essere statico o dinamico.

Indirizzo IP statico e dinamico

Un indirizzo IP è impostato dinamico in quanto il numero degli indirizzi IP è limitato, nella versione 4 ci sono infatti 2^32 possibili combinazioni in tutto il mondo.

Quindi l’indirizzo IP è scelto tra i vari indirizzi IP a disposizione dell’ISP e viene cambiato automaticamente ad ogni nuova connessione.

L’indirizzo IP statico si utilizza quando si deve fornire un servizio. Ad esempio un server web deve fornire un indirizzo IP statico per consentire il collegamento ai vari client.

Ovviamente ai fini della velocità di connessione non comporta nulla avere un indirizzo IP statico o dinamico.

Indirizzo IP versione 4 (IPv4) e versione 6 (IPv6)

Gli indirizzi IP che sono costituiti da 32 bit binari, cioè 4 byte, caratterizzano il protocollo IP versione 4, IPv4. Ci possono essere dunque 2^32 possibili combinazioni.

Invece gli indirizzi IP che sono costituiti da 128 bit caratterizzano il protocollo IP versione 6, IPv6.

Le possibili combinazioni in questo caso sono 2^128.

Un esempio di indirizzo IPv4, dunque a 32 bit, può essere questo: 11000000 10101000 00000001 00000101.

Ma, basta digitare un bit sbagliato e il collegamento non avviene o avviene con un host diverso da quello a cui si richiede il collegamento.

Dunque chiaramente un essere umano comprende meglio la notazione decimale. Lo stesso indirizzo, dell’esempio prima, espresso in notazione decimale puntata è 192.168.1.5.

Ogni byte può rappresentare in decimale un numero tra 0 e 255, cioè 2^8 possibili combinazioni.

Neetwork number e host number

Un indirizzo IP a 32 bit è composto da due parti. Una parte detta network number e l’altra detta host number.

Il network number è il numero assegnato alla rete IP su cui si trova l’elaboratore, mentre l’host number è il numero assegnato all’elaboratore.

Quindi il network number identifica la rete e l’host number identifica un host della rete.

Ad esempio se un host ha il seguente indirizzo IP 192.168.1.34, i primi tre ottetti 192.168.1 identificano la porzione dell’indirizzo di rete, mentre l’ultimo ottetto identifica l’host.

Questo significa che tutti i dispositivi presenti nella stessa rete condividono la stessa parte di rete (in questo caso 192.168.1).

Dunque ad esempio nella stessa rete ci saranno altri host con il seguente indirizzo: 192.168.1.35 oppure 192.168.1.36 e così via.

Questo è conosciuto come indirizzamento gerarchico.

Ad esempio, quando ci colleghiamo ad internet i router hanno la necessità di sapere come raggiungere ciascuna rete e non la posizione di ogni host.

Nella prossima lezione parleremo di classi di indirizzi IP.

Alcuni link utili

Indice argomenti reti

1 – Introduzione alle reti

2 – Reti Pan, Lan, Man, Wan e Gan

3 – Tecnologia Bluetooth

4 – Tecnologia Wi-Fi

5 – Tecnologia WiMAX

6 – Topologia delle reti

7 – Hub e Switch

8 – Bridge e Router

9 – Commutazione di pacchetto e di circuito

10 – Mac Address

Autore dell'articolo: Cristina

Avatar per Coding Creativo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *